Trieste

Per l’imperatrice Sisi, Trieste è il punto di partenza verso il sud, verso i suoi molti viaggi in mare. Tra il 1869 e il 1896, la monarca austriaca soggiorna qui in tutto 14 volte, prima e dopo i suoi viaggi nel mar Mediterraneo. Partendo da Trieste, Elisabetta viaggia anche in Grecia. Sull’Isola di Corfù l’imperatrice fa costruire nel 1890 l’Achilleion, un palazzo in marmo bianco presso il quale desidera tornare in continuazione.

Durante i suoi soggiorni a Trieste, Sisi abita nel Castello di Miramare, un palazzo da sogno che si affaccia sulle scogliere, situato davanti alle porte della città. È Maximilian, il fratello dell’imperatore Francesco Giuseppe, a far costruire il castello. A partire dal 1864 Maximilian regna come imperatore in Messico, dove viene decapitato nel 1867. All’interno del castello si possono scoprire diverse informazioni sui vari soggiorni di Francesco Giuseppe ed Elisabetta. L’edificio storico, con la sua facciata in pietra calcarea bianca, tenuto bene anche nella parte esterna, contiene più di 20 stanze in stile romanico.

L’ampio parco terrazzato, nel quale si trovano anche delle piante esotiche, è stato progettato in origine come luogo di meditazione. Degli scalini conducono al mare sottostante. Un castelletto, nel quale è stata rinchiusa la moglie di Maximilian, Charlotte, a causa della sua malattia mentale, funge da casa da giardino. L’area diventa di proprietà asburgica a partire dal 14° secolo. Dal castello si può raggiungere la pittoresca città portuale di Trieste, dalla cui stazione ferroviaria principale una volta si vedeva il monumento di Elisabetta, scomparso ormai da molto tempo. Le ostriche, molto apprezzate anche da Sisi, oggi vengono allevate, come ai tempi degli Asburgo, nel golfo di Trieste, con il supporto della UE.

Attualmente non ci sono news disponibili.